Musica

KAALI TORNA CON “LEI”, UNA DEDICA D’AMORE IN CHIAVE RAP INTRISA DI DOLCEZZA E ROMANTICISMO

Kaali torna con “Lei” (Red Owl Records/Visory Records), il suo nuovo singolo disponibile in trasmissione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali.

Ascolta su Spotify.Raccontare l’amore nella sua eccezionale e disarmante semplicità, spogliandosi di corazze e maschere, abbattendo ogni difesa, lasciando fluire parole che nascono dal cuore e, dal cuore, arrivano dritte, sincere e senza filtri al destinatario di una lettera, una lettera intrisa di rime e barre, incorniciata da un flow icastico e scorrevole e cullata da sonorità romantiche, che rimandano all’Old School, senza però tralasciare metrica e linee melodiche fortemente contemporanee.

Kaali, all’anagrafe Stefano Mengozzi, dopo anni di esperienza e gavetta nel collettivo Hip Hop/Urban Realtà Distorta Crew e la pubblicazione di due singoli in qualità di solista sotto il nome d’arte Kali brordc – “Eterno” e “Smetto dopo” -, torna nei digital store cambiando pseudonimo, mantenendo però la stessa attitudine intimista, viscerale e personale che caratterizza ogni sua composizione, evidenziando così una consolidata maturità autorale che riconferma la sua visione della musica e del rap: un rap che trascende dal racconto di un “non vissuto”, di un sentito dire che l’performer tenta ad ogni costo di far proprio con l’unico scopo di vendere, di omologarsi al trend del momento e che ritorna alla sua dimensione naturale, in cui l’MC traspone su un beat emozionisentimenti e tutto ciò che ha attraversato in prima persona, sulla propria pelle, interiorizzandolo, racchiudendolo nello scrigno della propria anima e che, attraverso questa esperienza diretta e personale, si trasforma in musica, giungendo al pubblico in maniera autentica e personale.

Prodotto da Reb the prod, mixato e masterizzato da Andrea Mattia ed arricchito dai cori di Minervae, “Lei” è un pezzo che arriva all’ascoltatore immediato e spontaneo, proprio come il tema su cui verte, l’amore. Quell’amore profondo, totalizzante, assoluto, che permea ed attraversa l’essenza stessa di ciascun individuo; quel sentimento lontano da qualsivoglia descrizione esaustiva, eppur tanto vicino al cuore ed al senso stesso della vita.

«Sei sostanza quando ti penso, sei fattanza, quando ti perdo»; «Sei tutto e niente, sei semplicemente come me, si, ma un po’ meglio»: espressioni in cui ciascuno di noi può ritrovarsi e che raccontano un mood, uno stato d’animo costellato di istanti che appaiono eterni – «sono attimi, sono battiti» -, resi vividi e vibranti dal tocco delicato ma al tempo stesso intenso dell’amore, che ci rende capaci anche laddove ci sentivamo inetti, che ci fa sentire adatti in un mondo a cui non sentivamo appartenere e che dona un senso nuovo al concetto di bellezza – «se ti penso mi rendi bello» -, un significato differente, più luminoso, pieno ed appagante della vita, che «non è fatta di favole», ma che, impreziosita dal valore dei sentimenti, ci porta a spingerci «dove nulla è normale».

“Lei” fa da apripista al debut album di Kaali, in uscita nei prossimi mesi.

KAALI BIOGRAFIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *