Musica

Enzo Lorenzo Reload: il singolo d’esordio di Patrizio Cigliano

Su tutte le piattaforme digitali da venerdì 8 luglio e online su Youtube con il videoclip ufficiale, è disponibile Enzo Lorenzo Reload, il primo singolo del progetto musicale Reloaded Toons Project, previsto in uscita prossimamente, del poliedrico Patrizio Cigliano, conosciuto come attore, regista e per la presenza nel reality Il Collegio con il ruolo di insegnante di recitazione.

Enzo Lorenzo Reload rivisita in chiave moderna ed ironica la popolare filastrocca, diventando un inno allo stare insieme e al vivere la collettività, messaggio molto importante vista la totale digitalizzazione degli ultimi anni.

Il testo, la musica e l’arrangiamento del brano sono dello stesso Patrizio Cigliano e di Fabio Bianchini, la produzione è firmata ARCADINOÈ,  mentre il mix&mastering è a cura di Silvia Leonetti.

Il desiderio e la necessità di tornare a giocare insieme, come i bambini che intonano all’unisono una filastrocca priva di senso logico ma che ha un’importante funzione rituale di aggregazione, è l’incipit da cui parte la critica sociale che emerge tra le righe delle strofe del brano: cyberbullismo, schemi comportamentali egoistici, omologazione e conseguente impoverimento del linguaggio e totale assenza di empatia, sono tra i principali fenomeni negativi su cui il brano pone l’accento lanciando un grido di allarme.

Enzo Lorenzo Reload con il suo sound attuale che strizza un occhio alle sonorità più in voga come il reggaeton e la trap, trova la perfetta cornice nel coloratissimo e coreografico videoclip ufficiale che lo accompagna. Nelle clip appaiono numerosi attori teatrali che si sono prestati, improvvisandosi anche ballerini, a giocare insieme a Patrizio Cigliano. In questo modo, infatti, questo progetto vuole anche omaggiare il teatro e, in particolare, la figura dell’attore teatrale, una delle categorie più colpite nel settore dello spettacolo da questi ultimi anni di pandemia e che oggi è costretta a rendersi sempre più versatile, anche più di quanto la professione stessa richieda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *